Il musivarius

IL MUSIVARIUS era l'artista o l'artigiano  che aveva una perfetta conoscenza delle proprietà dei materiali, delle molteplici gradazioni di colori e dell'arte del comporre. Il musivarius disponeva convenientemente, con pazienza e lunga opera sia le piastrelle marmoree di varie forme geometriche, sia le tessere cubiche in relazione all'area da rivestire e alle figure da rappresentare nel pavimento o sulle pareti, sia le tessere minutissime. 

 

Dal libro "Il mosaico attraverso i secoli" di Henri Lavagne

IL MUSIVARIUS MODERNO

Il mosaicista realizza il bozzetto ponendo attenzione alle misure delle tessere che verranno utilizzate per la realizzazione del mosaico. Oltre al bozzetto esso realizza il cartone a grandezza reale che riporterà sulla superficie stabilita,essa cambia a seconda della lavorazione scelta, in questo caso direttamente su una tavoletta. I compiti e le mansioni sono tante e si identificano quasi sempre in una figura, quella del musivarius moderno. Il mosaicista sceglie i marmi naturali, gli smalti o altri materiali di natura differente per poi passare al taglio manuale delle tessere. L'inserimento di materiali di diversa origine siano essi legni, metalli, ceramiche ecc. può arricchire l'opera musiva ma può altrettanto facilmente rompere quell'equilibrio fatto di tessere. Bisogna essere puliti e ordinati e questo richiede pazienza e devozione, ogni tanto ci si deve fermare per vedere il lavoro da un'altra angolazione ed essere sicuri che tutto proceda correttamente. Stendere la malta in piccole quantità permette di non perdere di vista il disegno che farà da linea guida al mosaicista per tutta la durata del  lavoro.

 

 Guarda il video tratto dal workshop di mosaico   tenuto da Giorgia Palombi